Il paradosso di Angelo Cannata su 1=1